Planetarie e fasce di prezzo: guida completa

Le planetarie così come le stesse impastatrici sono degli elettrodomestici che risultano essere tra quelli più utili ma anche performanti, soprattutto nel caso in cui si dovesse trattare di andare a realizzare degli impasti, per le creme, per il pane, per la pizza e molto altro ancora. Proprio queste tipologie di elettrodomestici hanno anche diversi accessori in dotazione, ma questo dipende molto dall’utilizzo che se ne fa e dal tipo di fascia di prezzo a cui punteremo. Visto che la spesa è comunque molto importante, bisogna valutare con attenzione che cosa ci sia nei modelli economici e in quelli di fascia alta. Scopriamo in questo articolo le varie differenze!

Principali caratteristiche e differenze

Le impastatrici sono munite di un braccio meccanico corredato da una frusta, che può essere intercambiata con altre tipologie di fruste in dotazione, questo dipende dalla preparazione che dobbiamo eseguire. Nel momento in cui il braccio entra in azione, esso si occupa di miscelare con estrema energia tutto il composto, che sarà contenuto all’interno della ciotola e che sarà messo alla base della planetaria. Le impastatrici moderne permettono di seguire il movimento della frusta in simultanea a quello del recipiente, che consentirà al braccio meccanico di poter prelevare quanto più impasto sarà possibile e di lavorarlo alla perfezione. Questo è un meccanismo che dà il nome alla planetaria, perché un movimento planetario, dato che ricorda molto la rotazione dei pianeti attorno alla loro orbita di rotazione.

Che cosa è importante sapere

Esistono delle planetarie che vengono integrate con delle altre funzionalità, che poi sono quelle che permettono di poter regolare lo stesso tempo della lavorazione e anche quelli che sono i gradi della cottura, questo si può fare solamente se tale funzione sarà presente. Solitamente anche il prezzo delle stesse impastatrici e delle planetarie differisce molto, questo perché costano molto di più. Anche se oggi grazie ai siti presenti sul web, è possibile che si vadano a trovare dei prodotti buoni a prezzi altrettanto buoni. Per cui, sia le impastatrici moderne e le planetarie devono essere sempre vendute assieme a degli accessori di base, che devono rispettare delle caratteristiche specifiche.

Accessori in dotazione

In ogni caso, che si tratti di impastatrici professionali o di uso casalingo, all’interno della confezione deve essere sempre presente una quantità basica di accessori. Tali accessori consistono in:

  • un recipiente con il suo coperchio anti-schizzo
  • una frusta a filo, per poter lavorare tutti i composti liquidi a base di uova o latte.
  • una frusta a foglia, per poter realizzare tutte le torte, biscotti e glasse di vario tipo.
  • una frusta a S per poter impastare il pane, pasta e pizza fatta in casa.

Proprio queste tipologie di accessori sono quelli che vengono venduti sempre assieme all’elettrodomestico, non dovranno mai mancare in alcuna fascia di prezzo, consentono anche di poter realizzare le più semplici preparazioni. Inoltre, il numero e la qualità degli accessori è quella che va a influire sul costo dell’elettrodomestico. Per esempio, per quanto riguarda i modelli che hanno molte più funzioni, per cui, oltre alle classiche fruste, sono corredati anche di alcune lame, frullini, recipienti e molto altro, il prezzo salirà maggiormente.

Prezzi

Di solito il prezzo per quanto riguarda una comune impastatrice per un utilizzo casalingo sarà molto vario. Avremo le seguenti fasce di prezzo:

  • fascia bassa fino a 100 euro
  • fascia media tra i 100 e i 300 euro
  • fascia alta oltre i 1000 euro

Il costo varia chiaramente a seconda della qualità, della sofisticatezza e soprattutto del marchio della casa produttrice. Le fasce alte sono quelle che vengono perlopiù acquistate dai professionisti.

Cosa valutare prima dell’acquisto

Oltre che a scegliere quale sia il modello che fa per noi in base alla fascia di prezzo, sicuramente dovremo anche valutare quelle che sono le specifiche di questi elettrodomestici e stiamo parlando di:

  • Le dimensioni, sono importante perché ci devono permettere di poter lavorare una quantità d’ingredienti di cui necessiteremo e che dovranno anche essere idonee al nostro spazio a disposizione.
  • L’alimentazione e la stessa potenza del motore devono assolutamente essere adeguate alla tipologia di lavoro svolto e anche allo stesso tempo di lavorazione, inoltre possono anche essere molto spesso sotto surriscaldamento.
  • Gli accessori in dotazione, devono essere quelli di base adeguati per ogni tipo di ricetta che vorremo eseguire.
  • I materiali di costruzione.
  • Il costo del prodotto.
  • Il design.

Oggi ci sono tante tipologie di impastatrici che rispecchiano appieno queste caratteristiche, e inoltre si tratta spesso di oggetti molto belli esteticamente.

Consigli

Si deve tenere a mente, che le funzionalità sono la parte essenziale e fondamentale per poter valutare quale sia una buona impastatrice, perché ci devono aiutare e rendere semplice il lavoro. Queste funzionalità sono il timer, la bilancia e altri accessori che la renderanno molto più efficace.

Meglio impastatrice o planetaria?

Spesso viene proposta questa domanda, ma in realtà non esiste un prodotto migliore di un altro. Va detto che le planetarie sono la vecchia tipologia di impastatrice, anche se vengono considerate come dei modelli più sofisticati ed evoluti per poterli utilizzare a casa. L’importante è che venga sempre fatta la scelta di una delle migliori marche, che poi si rivelerà molto performante e anche di buona qualità. Andremo poi ad acquistare un prodotto che dovrà essere di buona qualità e che dovrà essere corredato da tutto quello che non può mancare per svolgere anche un semplice lavoro.

In conclusione

Per concludere, possiamo dire che oggi, il mercato è quello che ci offre un’ampia scelta per tutto quello che riguarda questa tipologia di prodotti. Infatti, è possibile che poi si vadano a trovare delle impastatrici con dei prezzi molto più che competitivi. Nonostante tutto è sempre meglio diffidare di quelle offerte molto economiche, dove i marchi sono perlopiù sconosciuti e ci vengono offerte tante funzionalità e tanti accessori, perché sicuramente i materiali saranno scadenti. Per cui, il costo per farla essere una planetaria di discreta qualità, anche per un semplice uso domestico non deve mai andare a superare comunque i 500 euro. Altrimenti si tratterà di un modello di fascia professionale, che sono più adatti per altro.

Amante della scrittura. Appassionata della lettura e dell’arte. Scrivo dai periodi delle medie, ma dopo il liceo ho iniziato a perfezionarmi. Ho collaborato con qualche casa editrice, due pubblicazioni certificate e molte altre in self.  Da sempre ho creduto nella passione per la scrittura degli articoli, mi piace tutto ciò che ruota attorno alla tecnologia, alla musica e tutto ciò che concerne la comunicazione. Sono felice di poter scrivere articoli su questi temi.

Back to top
menu
Impastatrici e Planetarie